Strict Standards: Declaration of JParameter::loadSetupFile() should be compatible with JRegistry::loadSetupFile() in /web/htdocs/www.terziariminimipaola.it/home/libraries/joomla/html/parameter.php on line 512
Giovedì, 12 Marzo 2020 19:38

La Penitenza come Liberazione

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

CHARITAS 

 

LA PENITENZA COME LIBERAZIONE

Esercizi Spirituali Monache Minime

"Il verbo scandere, a mio giudizio, anticipa il significato globale della Regola, che offre al religioso che l’abbraccia un itinerario ascetico da percorrere con impegno, perseveranza e gioia, con il desiderio di raggiungere quella meta che l’itinerario stesso gli prospetta, e cioè la comunione con Dio. Gli aggettivi e gli avverbi, con i quali la Regola spesso esprime tutta la sua pedagogia e offre la sua visione teologica, sono da studiare attentamente. Nel primo capitolo della III e IV Regola ne troviamo alcuni: vigilanter, sedulo, contenti, fervidi, libenter, avide, inutiles, pavidi (III Regola); salubriter, fideliter, perseveranter, humiliter (IV Regola).

Tutta la Regola dei Minimi va letta nell’ottica di questo cammino ascensionale, che, dalla pratica dei doveri battesimali, comuni a tutti i cristiani, deve elevarsi lentamente e gradualmente, attraverso il cammino ascetico tracciato dalla Regola, che apre anche alla pratica dei consigli evangelici, sino alla comunione d’amore con Dio. La collocazione stessa del verbo scandere all’inizio della Regola, quando si stanno fornendo le linee essenziali del cammino spirituale da intraprendere da parte di chi vuole entrare nell’Ordine, pone lo sviluppo della Regola stessa nella prospettiva dello scandere. Se dopo aver osservato i comandamenti di Dio, i precetti della Chiesa, i quattro voti, le osservanze varie della Regola bisogna scandere sino ai consigli evangelici, vuol dire che tutto il cammino spirituale deve essere modellato sullo stampo dell’ascesa. Da questo cammino si prende poi lo slancio per percorrere l’ultimo tratto, che sono gli altri consigli evangelici.

Percorrendo il cammino ascensionale che la Regola gli propone attraverso il suo programma ascetico, il religioso che lo percorre si va gradualmente liberando di tutto ciò che è terrestre, carnale e in genere negativo per arrivare purificato all’incontro con Dio. C’è allora un richiamo e una relazione tra ascendere, liberarsi, purificarsi, migrare, crocifiggere, fare frutti degli di penitenza per arrivare all’incontro con Dio (dove la carne non può arrivare: IVRF VIII, 35). Ecco l’obiettivo di questi nostri esercizi spirituali: comprendere la spiritualità quaresimale come cammino di purificazione/liberazione da tutto ciò che è terreno, mondano e carnale, e cammino di elevazione sino alla vetta della carità. E terremo come punto di riferimento la Lettera ai Galati, dove troviamo qualche indicazione per capire i contenuti della libertà alla quale ci conduce il cammino di liberazione."

----------

 

RELAZIONE DI S.ECC. MONS.MOROSINI

[Clicca qui per scaricarla]

 

Letto 186 volte

Guida Liturgica Pastorale 2019/2020

2019 guida 2020

Calendario Santuario GIUGNO_2020

GIUGNO 2020

Calendario TOM 2019/2020

programma TOM 19-20 Pagina 1

Progetti CENTRO MISSIONARIO O.M.

INDIA

 AFRICA

Parola di Vita [Download]

Parola di Vita [Download]

San Francesco di Paola

sanfrancescodipaola1

 

sanfrancescodipaola2

Canti al Santo